Se l’operatore sanitario si ammala di covid, può denunciare il datore di lavoro?

Il datore di lavoro risponde penalmente e civilmente delle infezioni di origine professionale solo se viene accertata la responsabilità per dolo o colpa.

Dunque, se un operatore sanitario contrae il covid, il suo datore di lavoro ne risponderà quando non avrà rispettato i protocolli e le linee guida governative e regionali (o, in loro assenza, nazionali) volte a contenere, prevenire o quanto meno ridurre il rischio di infezioni da Covid-19.

Non solo: si tenga presente che la Legge 5 giugno 2020, n. 40 ha previsto che la “colpa” della struttura medico-sanitaria può consistere sia nella violazione della norma del codice civile che impone di adottare tutte le misure idonee a tutelare la sicurezza del lavoratore (art. 2087 c.c.), ma anche in imprudenza, imperizia, negligenza e soprattutto nell’inosservanza delle leggi in materia di sicurezza sul lavoro, a cominciare dal decreto 81/2008.

Di quali reati potrebbe rispondere il datore di lavoro?

Potrebbero configurarsi i reati di lesioni colpose (art.590 c.p.) o, nel caso in cui il contagio causi il decesso, del reato di omicidio colposo (art.589 c.p.).

Il datore di lavoro, per liberarsi da ogni forma di responsabilità dovrà dimostrare di avere fatto tutto il possibile per evitare il danno, ovvero di avere adottato ogni cautela necessaria per impedire il verificarsi del contagio, compresa la predisposizione dei piani anti-Covid decisi dal Governo e dall’INAIL.

E’ improbabile, però, che una struttura sanitaria priva di Dispositivi di Protezione Individuale per gli operatori sanitari, di percorsi sporco-pulito, di aree separate per pazienti Covid e non Covid, di stanze per la vestizione/svestizione di medici e infermieri, di programmi di pulizia e sanificazione non abbia responsabilità in caso di eventuali contagi, soprattutto qualora l’eventuale contagio coinvolga decine di pazienti e operatori contemporaneamente.

E’ fondamentale rivolgersi ad un avvocato che valuti il vostro caso e lo inquadri correttamente dal punto di vista giuridico, per indicarvi correttamente la strada da percorrere per far valere i vostri diritti.

Vi offriamo questa possibilità attraverso la nostra CONSULENZA ON LINE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *