Bottiglie alla finestra

É Ferragosto.

Il sole picchia forte.

A Lucera ci vorrebbe il mare … Alzo la testa e guardo oltre il muro che separa il Paese dal carcere.

Osservo le bottiglie fuori dalla finestra… L’acqua sarà bollente…

“Quando qua fuori fa tanto caldo e non si respira, penso ai miei ex compagni prigionieri, chiusi là dentro una cella stretta, e smetto di lamentarmi per l’afa.

Si dice che in galera si sta al fresco, ma non è affatto vero. In carcere, forse per colpa del ferro e del cemento, si soffre di più il caldo e non c’è mai un alito di vento. In prigione non c’è mai una via di mezzo: o fa un freddo boia o fa un caldo bestia.

Quando ero detenuto, ricordo che d’estate l’afa mi faceva aumentare l’ansia e l’angoscia: dormivo di meno, ed era peggio, perché di notte la nostalgia e il desiderio di libertà si fanno più forti.” Mi vengono in mente le parole di Carmelo Musumeci.

Le bottiglie fuori la finestra.

Contrappeso per stendere la biancheria in cella.

I panni, come gli esseri umani, necessitano di aria fresca e sole per ritornare davvero puliti.

https://www.digioiaclementeavvocati.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *